Conosci i tuoi capelli?

L’ apparato pilo sebaceo comprende diverse strutture:
- Il follicolo pilifero
- Il capello
- Le guaine del capello
- Il muscolo erettore
- La ghiandola sebacea
- Le ghiandole sudoripare apocrine (in alcune sedi)
- I capelli fuoriescono dal follicolo pilifero, un’ invaginazione epidermica nel tessuto sottostante.

Andando dal basso verso l’ alto, è costituito da 3 zone:
a- il segmento inferiore, ossia la parte profonda del follicolo sino alla inserzione del muscolo erettore
b- l’ istmo o colletto che procede dall’ intersezione del muscolo erettore sino allo sbocco del dotto sebaceo nel follicolo
c- l’ infundibulo, segmento terminale dallo sbocco del dotto sebaceo nel follicolo, alla superficie cutanea

Nel capello si distinguono 3 parti:
a- il gambo o fusto, parte più lunga, visibile, poiché al di fuori della cute; questa parte del capello è materia inerte, morta
b- la radice, non visibile, tra l’ ostio follicolare e l’ attacco inferiore del muscolo erettore
c- il bulbo, parte terminale della radice dalla forma ingrossata e tondeggiante. La parte inferiore è costituita da 2-3 file di cellule sovrapposte, a rapida riproduzione che costituiscono la matrice: rappresentano le sole cellule germinative del capello. Le cellule della matrice, man mano che si riproducono, spingono verso l’ alto le cellule nate in precedenza; durante la salita, così come avviene nell’ epidermide, le cellule elaborano all’ interno una proteina, la cheratina, diventando progressivamente sempre più rigide. Di tali cellule, alcune vanno a costituire le guaine del capello, altre vanno a costituire le 3 parti strutturali dello stesso, cuticola, corteccia, midollo (sezione del capello tagliato orizzontalmente).

Al di sopra delle cellule della matrice vi sono alcuni melanociti che svolgono la funzione di dare colore, immettendovi melanina, cellule che diventeranno la corteccia del capello.

Le guaine sono strutture che avvolgono il capello e sono 3:
a- guaina epiteliale interna, avvolge circa 2/3 della radice
b- guaina epiteliale esterna: posta intorno alla guaina interna ed alla radice
c- guaina connettivale: circonda l’ intera struttura epiteliale

Sezione del capello

Tagliando un capello in senso orizzontale, se ne può apprezzare la struttura, suddivisa in 3 parti:
1- midollo: porzione interna, si presenta discontinuo. È costituito da cellule arrotondate separate tra loro da bolle d’ aria.
2- corteccia: porzione intermedia; è la più abbondante (85-90% del pelo). È formata da cellule più grosse rispetto al midollo, contenenti melanina, pertanto, rappresenta la parte “colorata” del capello.
3- cuticola: porzione più esterna; è una struttura chimicamente resistente poiché protettiva, ossia è lo strato più duro del capello, ma rappresenta anche la parte che si rovina e sfibra prima, se si impiegano prodotti aggressivi e ricchi di tensioattivi. È formata da cellule piatte presenti in più strati (5-10), disposte tra loro come tegole di un tetto; sono cheratinizzate.

Ciclo di crescita del capello

Il follicolo pilifero è una struttura dinamica, pertanto alterna lunghe fasi di proliferazione, ossia di crescita (anagen) a brevi fasi di involuzione (catagen), ed infine, fasi di riposo (telogen). Quindi, i capelli crescono ciclicamente con periodi alterni di crescita e quiescenza, cioè riposo.
Fase Anagen
La maggior parte dei capelli si trova in anagen, fase in cui le cellule matrici si riproducono per mitosi sviluppando le cellule del midollo, della corteccia, della cuticola e delle guaine; una volta che tali cellule saranno completamente cheratinizzate, formeranno il capello propriamente detto.
Fase Catagen
Nel catagen avviene l’ arresto ordinato e graduale dell’ attività mitotica a livello della matrice; completato tale processo si entra nella fase di Telogen.
Fase Telogen
Periodo di riposo durante il quale il bulbo pilifero acquista una forma simile ad una clava e si avvicina alla superficie della pelle. Il capello cade; prima della caduta però, si è formato nella parte inferiore del follicolo un nuovo capello che prenderà il posto di quello vecchio.
Anagen iniziale
All’ inizio dell’ anagen la papilla si pone nuovamente a contatto con l’ estremità inferiore del germe epiteliale secondario; esso prolifera costituendo un nuovo bulbo, da cui prenderanno origine sia il nuovo capello, sia la nuova guaina epiteliale interna.
Nelle sezioni istologiche è talora possibile osservare questa fase in cui è contemporaneamente presente il vecchio capello più quello di nuova formazione.

Composizione del capello

I capelli sono fibre di natura proteica.
L’ analisi chimica degli elementi contenuti in essi rivela la presenza di carbonio, idrogeno, azoto, zolfo e ossigeno, in più, si ritrovano tracce di altri elementi che possono avere un ruolo nella composizione dei pigmenti.
In maggioranza, proteine (80-90%), acqua (10-15%), grassi (2-3%) e minerali di cui il più importante è lo zolfo.

Che capelli hai?

SOTTILI GRASSI CALVIZIE
SECCHI ROBUSTI DEBOLI
DELICATI UNTI FRAGILI
TRATTATI LUCIDI  
ARIDI    
CRESPI  
RISPOSTE "ORO" IN MAGGIORANZA? ALKEMILLA CONSIGLIA Shampo e Balsamo Arancio e Limone RISPOSTE "ROSA" IN MAGGIORANZA? ALKEMILLA CONSIGLIA Shampo e Balsamo Lavanda e Eucalipto RISPOSTE "AZZURRE" IN MAGGIORANZA? ALKEMILLA CONSIGLIA Shampo e Balsamo Cedro e Finocchio